Ma che è IL COLLE pe’ te?

Ma che è IL COLLE pe’ te? Qualche mese fa, forse dopo agosto o dopo quella di ottobre scrissi questo pensiero, ma non l’ho mai condiviso con nessuno.
Oggi, in un momento veramente triste per me per quanto successo a Moka mi sento di farlo con voi.
Mi trovo sul traghetto che mi porta in Sardegna, per un agosto anomalo, non con lo spirito giusto.

Ma che è IL COLLE pe’ te?

– Ehh… Mo’ provo a spiegattelo, però non t’assicuro che ce riesco…
– Pe’ me IL COLLE era il sorriso di Nonna che ogni anno mi aspettava affacciata alla Sua finestra “bello de Nonna, quanto c’hai messo?!”
– Pe’ me IL COLLE erano le lacrime de Nonna che me salutava quando ripartivo pe Roma che le vacanze so finite “A No’ ma che te piagni mamma mia!!!”, poi però l’ho capito, ahh se l’ho capito…
– Pe’ me IL COLLE era la libertà di poter uscire di casa da solo, anche di sera!!!
– Pe’ me IL COLLE erano le patate, i pomodori e tutte le verdure dell’orto!
– Pe’ me IL COLLE era il poter raccogliere l’ovetto fresco, appena fedato per farci lo zabaione
– Pe’ me IL COLLE era la normalità di lasciare le chiavi attaccate e la porta aperta, e casa nostra era sempre aperta a tutti, a tutte le ore!!
– Pe’ me IL COLLE era andà a funghi, a more, a castagne. Era andasse a “prende” le pannocchie o le melette de nibi.
– Pe’ me IL COLLE era lo stupore prima, la familiarità poi, di vedere mucche pecore e cavalli andare a bere alla fontana!
– Pe’ me IL COLLE era la normalità del “cìro cìro..”
– Pe’ me IL COLLE erano Mario, Lorenzo, Matteo, Angelo… Ma poi pure tutti quelli piccoli (che mo so più grossi de noi), e poi quelli grandi (che mo’ so come noi!) e tutti “l’appellaticci” che mo però so dei nostri!!!
– Pe’ me IL COLLE era andà a dormi tardi e svegliasse presto cosi avevamo più tempo per stare insieme… non per tutti però…”ANGEEEELOOOOOOOOO”
– Pe’ me IL COLLE erano le biglie e quelle piste che per noi erano circuiti da F1!!!
– Pe’ me IL COLLE era Colle – Torrita giocata da noi, da loro, a Scai, da Robertino, do’ ve pare, tanto era uguale, vincevamo sempre noi…
– Pe’ me IL COLLE era quel sonno profondo la prima sera, bello fresco rilassato, dopo che a Roma non dormivi da 1 mese!
– Pe’ me IL COLLE era la casetta sull’albero giù da Giovacchino..
– Pe’ me IL COLLE erano le nostre bici, i giri impossibili e i botti memorabili!!
– Pe’ me IL COLLE era quella sfida mai vinta de riuscì a passare la Palombara senza mai scende, ma quel sasso era un muro invalicabile…
– Pe’ me IL COLLE era quella sensazione di paura ogni volta che con le bici, chissà dove stavamo, incontravi i “cani delle pecore..”
– Pe’ me IL COLLE erano quegli anni che c’era il sole la mattina e pioveva sempre il pomeriggio, ma per noi non era un problema: piripicchio, merda, l’uomo-nero, traversone, l’assasino, risiko..
– Pe’ me IL COLLE era lo schiaccia-sette in 30 in piazza!
– Pe’ me IL COLLE era il nascondino
– Pe’ me IL COLLE era il biliardino
– Pe’ me IL COLLE era il non fare niente e star seduti in piazza a godersi il sole e il venticello..
– Pe’ me IL COLLE era il su e giù da Torrita
– Pe’ me IL COLLE era andà giù al Bar ma era sempre chiuso, e quando apriva le patatine erano sempre scadute.. poi però è diventato BARCOLLO ed era il ritrovo di tutti e c’era sempre tutto!
– Pe’ me IL COLLE era la fila alla fontana per riempire la brocca per pranzo
– Pe’ me IL COLLE era il “vendemo l’ajo le patate e le cipolleeee!!”
– Pe’ me IL COLLE era quello stare sempre con l’orecchio attento al clacson del fornaio e poi la corsa sennò finivano l’ossi.
– Pe’ me IL COLLE era la Valle
– Pe’ me IL COLLE erano le ore e ore alla cancellata a ridere
– Pe’ me IL COLLE era l’ebbrezza di andare ad Amatrice a prende i cornetti caldi a mezzanotte
– Pe’ me IL COLLE era quel cielo stellato ai picchetti che sembrava finto per quanto era bello
– Pe’ me IL COLLE è stato il primo bacio e le prime cotte..
– Pe’ me IL COLLE era la notte di San Lorenzo
– Pe’ me IL COLLE era lu canittu senza coda..
– Pe’ me IL COLLE era la sfida impossibile di passare di notte a capo-croce
– Pe’ me IL COLLE era girare per tutti i paesi per vendere i biglietti e per attaccare i manifesti
– Pe’ me IL COLLE era girare per ogni casa a prendere sedie e tavoli per il torneo di briscola
– Pe’ me IL COLLE era la tortura di montare e smontare il palco e l’incazzatura che eravamo sempre i soliti.. Ora me le incollerei da solo quelle palanche…
– Pe’ me IL COLLE era l’organetto la sera della festa, o quello di Gianni tutti i giorni
– Pe’ me IL COLLE era la braciolata e la pasta in piazza
– Pe’ me IL COLLE erano le serenate, i spazzacammin e i “bevilo tutto tutto…”
– Pe’ me IL COLLE erano le passeggiate in montagna armati solo di panini e salamella
– Pe’ me IL COLLE era la Processione
– Pe’ me IL COLLE erano i gavettoni a ferragosto
– Pe’ me IL COLLE erano i nostri segreti che ancora costudiamo…
– Pe’ me IL COLLE era la garanzia che le vacanze sarebbero state belle a prescindere
– Pe’ me IL COLLE, anche se non c’era niente erasempre il posto più bello del mondo
– Pe’ me IL COLLE è stato diversi Capodanni, molte Pasque ma Tutti i Ferragosti. Questo sarà forse il primo, spero l’unico lontano…

Pe’ me IL COLLE è stato ed è veramente TANTO… datte sta ristruttuarata e sbrigati a tornare perché mi manchi veramente TROPPO.
​​​​​​​​​​
​ Andrea
13/08/17

Ma che è il Colle per te?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti