Noi

Poesie – Scritte da noi

Poesie – Scritte da noi – Girando in mezzo ai miei Hard disk, ho ritrovato queste cose scritte da noi un po di tempo fa, credo che visti i contenuti siano sempre attuali e debbano stare qui

LA FESTA DE NOANTRI A COLLEGENTILESCO
Ma chi ce crederebbe che ‘n paesello
e quattro gatti come er nostro Colle
t’organizza ogni anno sur più bello
na festa che ne parlano le folle.

A coppie te poi fa ‘na briscolata
oppure poi pesca’ fra tante cose;
li ragazzini c’avranno ‘na giornata
che s’aricorderanno co’ le spose.

Se sei forte co l’indovinelli
giochi de penna e te fai er quizzone,
ce giocano li brutti co li belli
giovani e vecchi nella confusione.

Poi c’è Trieste…come t’ha ‘ncontrato
t’appioppa li bijetti e nun te molla
e nun fa’ er vago, tanto t’ha puntato
te marca stretto peggio de la colla.

Ma la cosa più bona de ‘sta festa so’
le ciambelle; l’avete già assaggiate?
Eccezzionali, dorci, calle calle,
da quello zuccheretto circondate.

‘Nzomma, è bello quanno tutti l’anni
Se famo ‘na magnata in allegria,
scordanno pe’ ‘na vorta musi e affanni
cor vino bono e bona compagnia.

Venitelo a vedé ‘sto paesetto
Quattro case, ‘na piazza e du’ cristiani
ma è ‘n gioiello da tenesse stretto
lo sanno bene tutti ‘sti romani.

di Carla Ceccaroni

SEMPRE ARRIVANDO….

Sempre arrivando
si mostra, all’improvviso,
ai tuoi occhi il paese
e a destra i monti
che fino a poco prima non vedevi.

E quel leone…
sempre accovacciato,
un poco sonnolento,
un po’ annoiato

E l’aria…
quell’aria che la senti
diversa, fresca, pura come ieri
che ti entra nelle vene
e placa
tutti gli affanni
e tutti i tuoi pensieri.

E la salita…
che ti fa come correre e anelare
a quella piazza antica.

E appena arrivi
cerchi facce note,
almeno una
che ti sembri amica,
qualcuno che
anche se non ti aspettava
ti guarda e sa chi sei
…e non è poco

Arrivi carico
di valigie e ricordi.
Pronto li posi a terra
e guardi intorno.

E ogni volta
un po’ di te è cambiato
e un po’ di tutto quello
che ora vedi

E poi, subito,
appena sei arrivato
già ti prendono
noia e nostalgia
e ti sembrano mesi
che stai lì
e quasi già vorresti
andare via.

di Carla Ceccaroni

OMAGGIO A COLLE…

Nei miei ricordi…

Una manciata di case arroccate su un colle assolato e improbabile, tutte riunite come a fare salotto intorno a quell’unica piazza…questo è Collegentilesco, il paese al quale da anni ritorno ogni estate, anche se per poco e sempre con un vago senso di nostalgia.
Ogni volta mi prendono tanti ricordi…
Ricordo quando la “costarella” non era ancora asfaltata e uno dei nostri giochi preferiti era quello di salire, dopo l’atteso invito di Armando, su una “traia” o un carro pieno di balle di fieno.
Sobbalzavamo su quei sassi facendoci portare fino ai “picchetti” e ci sentivamo i re dell’universo.
L’aria era tutt’uno con l’odore del fieno e delle mucche che ci guardavano con quei grandi occhi buoni e il naso umido, e noi annusavamo e gridavamo felici.
Parlo al plurale perché tutti i miei ricordi sono legati a mio fratello e ai miei cugini: eravamo invincibili.
Le nostre lunghe giornate estive, in quelle lunghe estati che duravano tre mesi pieni, erano fatte di battaglie contro galli particolarmente combattivi e di passeggiate alla “palombara” con zio Mario, che ci raccontava le storie di Giovannino senza paura.
Se le inventava lui ogni volta per noi, ed erano sempre piene di fascino e di mistero.
Ricordo anche la giornata del bagno…un avvenimento!
Un grande bagnapiedi vicino al camino e noi che venivamo lavati a turno.
Prima io, unica femmina, separata dagli altri e poi uno a uno loro, i maschi…La vasca non c’era, come in ogni casa che si rispetti, e sembra un secolo fa.
Ricordo le passeggiate con nonno Bartolo, quando andavamo a funghi alle “prata larghe”, i pratoni al bivio di Scai, che oggi sono così cambiati, e i torini che si affacciavano fra l’erba bianchi, sodi, stupendi.
E quanti ce n’erano, quanti, e che soddisfazione trovarli e raccoglierli: uno, un altro e ancora uno…
Ricordo le giornate della trebbiatura all’aia.
C’era una nuvola di polvere che rimaneva fissa nell’aria per giorni e gli uomini si caricavano i sacchi pieni e pesanti sulle spalle impolverate, fermandosi ogni tanto per un bicchiere di vino.
Il rumore di quella goffa macchina, la “trebbiatrice”, ci stordiva e rimaneva nelle orecchie fino alla notte, insieme con i canti delle cicale e a qualche spiga incastrata nei calzini.
E le donne,chiacchierando, ruotavano i setacci per separare con movimenti abili e veloci non ricordo più cosa…e le cassapanche e i capestili e il gioco della “morra” la sera e…
Ricordo le pesca dei gamberi alla “Nea”, quando partivamo di notte armati di stivali, torce, secchi e retini per andare al fiume a pescare quei gamberi azzurri, placidi e accecati dalle nostre luci improvvise, che nel vano tentativo di fuggire cadevano nella trappola dei nostri retini.
Erano tantissimi e nella pentola il loro azzurro si trasformava come per magia in un gustosissimo rosso.
Sono scomparsi all’improvviso, tutti insieme, un po’ come i dinosauri, non ce n’è più neanche uno (e non per colpa nostra…).
Oggi torno a questo paese un po’ più stanca, con occhi diversi e vedo tante facce che non conosco più, soprattutto tanti ragazzi dei quali non so nemmeno il nome.
Ma la cosa che più mi colpisce è vedere la piazza trasformata in un grande e affollato garage all’aperto e quelle case riunite a salotto che si sentono un po’ messe in disparte, come in secondo piano, usurpate della loro intimità e tranquillità invernale.
Comunque per me come per tutti, credo, tornare ogni anno a Colle è quasi una malìa, un richiamo al quale non si riesce e non si vuole resistere per ritrovare ancora quelle montagne, quell’aria, quel silenzio, quei gesti sempre uguali, quella noia e quei mille ricordi che continuano ad accompagnarci un anno via l’altro come fogli di un calendario che il vento porta via, insieme con i nostri pensieri.

di Carla Ceccaroni

Come pesa questa valigia…..
vi ho chiuso dentro i miei sogni,
le mie umili cose
e le foto di mamma e papà.

Parto, il vento nei capelli
il vestito più bello
e il sorriso dei miei vent’anni.

Come sarà la vita domani?
La città, il lavoro, la casa.
Ti lascio Colle mio
dove ho trascorso le ore più belle.

Un giorno tornerò qui
e porterò i miei figli;
impareranno ad amarti
come ti amo io

e ascolteranno le storie
sussurrate dalle tue case.

di Anna Maria Balducci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.